x

x

RecensioniNovitàBlack Science, la scienza cattiva di Remender e Scalera

Black Science, la scienza cattiva di Remender e Scalera

Ha senso recensire una serie dopo soli tre numeri? Solitamente no, ma Black Science è partita con un numero uno talmente perfetto – ed è andata poi a migliorare con le uscite seguenti – che sarebbe un peccato perdersi l’occasione per parlarne. In sole 23 pagine Rick Remender, Matteo Scalera e Dean White riescono a introdurre tutto quello che serve per essere avviati a questo nuovo universo narrativo, senza rinunciare a un sacco di azione (praticamente 23 pagine su 23) e ad alzare mostruosamente il tiro in vista dei prossimi mesi.

blackscience01_coverA

Grant McGray è uno scienziato autodidatta, privo di ogni forma di freno inibitore. Il suo principale interesse, la scienza nera e il viaggio al centro delle dimensioni, ha finito per mettere nei guai lui e la sua famiglia. Fine della sinossi necessaria.

Nonostante i presupposti da fantascienza pulp il Nostro eroe si dimostra in realtà un mediocre, fiacco nel fisico e totalmente incapace di prendere una scelta giusta, di guidare il gruppo di esplorazione e mantenere al sicuro i suoi cari. Il motivo di tanta incoscienza è semplice: per come vede lui il mondo, tutto viene dopo la sua personale ossessione. Quando però, nel momento più buio della sua missione più pericolosa, rischia di perdere proprio ciò a cui tiene di più, capisce quale sarà il prossimo obiettivo: riportare a casa i suoi ragazzi. Possibilmente vivi.

Ambientate la sinossi qui sopra in un universo folle, dove enormi tartarughe si portano sulle spalle micro mondi popolati da uomini rana guerrieri e schiave dalle sembianze di pesci antropomorfi. Aggiungeteci poi altri particolari bizzarri in gran quantità e l’impressione che questa sia solo la punta dell’iceberg. Dal secondo numero sostituite il tutto con nativi americani infilati in enormi esoscheletri e soldati tedeschi della prima guerra mondiale.

A dare vita e sostanza a questa selvaggia versione di Lost in Space abbiamo le straordinarie – non esiste altra parola per definirle, davvero – tavole della coppia Scalera & White. Perfette nell’abbracciare in toto lo spirito della serie e capaci di veicolarne il senso elevandolo al cubo. Black Science parte dall’estetica da romanzetto pulp e finisce per raccontarci una storia frenetica, drammatica e fuori controllo. Così le matite di Matteo – uno che ha fatto della modernità, della stilizzazione e dell’aggressività parti integranti della sua poetica – si fondono con lo stile pittorico dell’americano già all’opera su X-Force, dando vita a un mondo sospeso tra passato e futuro. Tutto reso con una perizia e una cura maniacali, tanto da far finire questi albi dritti tra le cose più belle viste durante l’anno.

Black-Science-1-6

Potrebbe essere ancora presto per saltare sulla sedia dall’entusiasmo – non è vero – ma da quello che abbiamo potuto leggere Black Science si candida come LA serie da seguire nei prossimi mesi. E ci riesce senza chissà quali complicati meccanismi narrativi o rivoluzioni copernicane. Remender arriva al punto mettendo sul piatto un racconto d’avventura potenzialmente privo di limiti (ma con un concept ben definito: il viaggio fino alla dimensione originale, dove il primo essere prende la prima scelta e crea la prima variazione dimensionale) e facendolo vivere da protagonista a un personaggio che rifugge ogni stereotipo. Dopotutto Grant è un Peter Pan amante dell’occulto e delle droghe leggere, che si rende conto solo troppo tardi cosa significhi diventare padri. Quindi nessuna uscita da action-hero di serie B, ma solo la dolente percezione di avere incasinato la vita a chi non lo meritava proprio.

L’idea che un simile inetto debba passare attraverso infiniti universi paralleli prima di poter tirare un sospiro di sollievo è fresca, eccitante e fa apparire come vecchiume un sacco di paccottiglia gettata sul mercato con chissà quali proclami. Aggiungeteci un trio di strepitosi autori dotai di un gusto e di un’idea di fumetto seriale decisamente al passo coi tempi e avrete abbastanza motivi per procurarvi al più presto questo Black Science.

Ultimi articoli

gianni de luca mostra wow milano 2024

La grande mostra su Gianni De Luca a Milano

Presso gli spazi di WOW – Museo del fumetto e dell’illustrazione di Milano, si terrà una mostra dedicata a Gianni De Luca.

I fumetti di Tunué in uscita a marzo 2024

Tutti i fumetti che la casa editrice Tunué pubblica in libreria e in fumetteria nel corso del mese di marzo 2024.
Ato 365 Hi no Dinner

Il nuovo manga dello scrittore di “Boruto”

Kodashi Ukyo, noto per aver scritto i primi tredici volume della serie Boruto, realizzerà un nuovo manga intitolato Ato 365 Hi no Dinner.
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO