x

x

RecensioniNovitàOrfani: Ringo n.1. Filumena Marturano in salsa post-apocalittica

Orfani: Ringo n.1. Filumena Marturano in salsa post-apocalittica [Recensione]

Sembra Filumena Marturano, ma non lo è. La storia è una via di mezzo tra la commedia di Eduardo De Filippo e un racconto post-apocalittico. Siamo a Napoli, l’ambientazione è (quasi) la stessa. Lui si è ritirato a vita privata e del mondo non ne vuole sapere più niente. All’improvviso, lei arriva a bussare alla sua porta e gli chiede aiuto. Hanno rapito tre ragazzi, gli dice, e uno è figlio tuo. Uguale e preciso a Filumena. E qual è?, chiede lui, ingenuamente, come Don Mimì. Non te lo dico, altrimenti tu non mi aiuti.

Leggi l’anteprima di Ringo n.1

orfaniringo

Il pretesto è questo, ma non siamo a teatro. Siamo sulle pagine di un fumetto: Ringo, il primo numero della nuova stagione di Orfani. Che è, al di là di tutto, un chiaro omaggio alla città di Napoli. Il team guidato da Roberto Recchioni e Emiliano Mammucari è tornato a lavoro per confezionare un perfetto (per quanto forse prevedibile) sequel alla precedente stagione, la prima interamente a colori nella storia di Sergio Bonelli Editore.

Filumena Marturano a parte, si parla anche di miscela del caffè (che per chi non lo sapesse: è uno dei segreti per fare del buon caffè. Anche questo lo insegnava Eduardo De Filippo, in Questi Fantasmi). Sono passati anni da quando Ringo, battuti gli altri Orfani, è arrivato sulla Terra. Alla scoperta della verità è seguita la dittatura del “governo mondiale di crisi” guidato dalla professoressa Juric. Ci sono ancora dei ribelli, e quale città migliore in cui nascondersi se non Napoli? La riconosci subito nei disegni di Mammucari. Riconosci il porto, riconosci le Vele – ideale base per la rivoluzione – e riconosci il San Paolo che, come lo Stadio Collana durante la II Guerra Mondiale, è diventato una prigione. Niente più divertimento, è la dura legge del nuovo mondo.

Leggi anche: Come è stata progettata la cover di Ringo n.1, spiegato da Emiliano Mammucari

ringo1

Ringo è il tipico anti-eroe: del mondo e delle persone non ne vuole sapere più niente – l’abbiamo già detto. Ha ucciso i suoi amici, per aiutarli. Ma non è servito a niente. Ora, all’improvviso, deve tornare a combattere – ancora vivo, come dice il titolo di questo primo numero – per salvare (SPOILERino) un figlio di cui non sapeva niente. I suoi avversari saranno i Corvi. La sua arma un arco.

Dopo la spirale crescente di colpi di scena degli ultimi numeri della prima stagione, con Ringo i toni rallentano. Ci si muove con più calma. Più spazio ai dialoghi e alle storie, pur sempre con un pretesto narrativo minimo (e non molto dissimile da quello della prima stagione). Se prima eravamo nello spazio, ora siamo sulla Terra. E non si combatte più vendicarsi, ma per sopravvivere e ‘cambiare le cose’.

Ringo n.1, insomma, non è il tentativo – come qualcuno potrebbe pensare – di rilanciare una serie (che è andata piuttosto bene, intendiamoci). È, invece, un modo per archiviare quanto fatto in precedenza e capitalizzare (anche dalle critiche, sembrerebbe). Raccogliere pareri e consensi e settare un trend, che per Bonelli Editore non dovrà rappresentare solo un’eccezione, ma una spinta verso nuovi progetti.

ringo2

I disegni, le storie, i toni. Dalla prima stagione alla seconda, Recchioni e Mammucari hanno saputo scrollarsi di dosso parte della tradizione bonelliana e costruirsi un proprio stile – riconoscibilissimo. Ora sai subito che stai parlando di Orfani – Ringo ne è l’estensione in un contesto più realistico. Dalla Spagna all’Italia fino a Napoli: anche questo passaggio sa di storia. Le Fontanelle, le catacombe, le grotte: il mondo del sottosuolo partenopeo è l’ennesima ambientazione di questa storia. Che piace, per carità. Come già detto: è una partita vinta in partenza, con questi presupposti e queste promesse. Attendiamo i prossimi numeri per vedere nuovi cambiamenti. Ma per adesso la linea che unisce la prima alla seconda stagione regge.

L’esperimento Orfani – quello che in qualche modo è stato una scommessa per Sergio Bonelli Editore – è diventato realtà. Ora si chiama Ringo. Continuerà a racconterà un’Italia distopica ma credibile? Arriverà la conferma di una terza stagione? Si affiancheranno altre miniserie con la stessa formula? Staremo a vedere.

Ultimi articoli

jujutsu kaisen anime

L’anime più popolare al mondo

Jujutsu Kaisen è entrato nel Guinness dei primati per essere l'anime più popolare al mondo, superando L'attacco dei giganti e One Piece.
mappa comicon napoli 2024

La mappa di Comicon Napoli 2024

L’organizzazione di Comicon ha diffuso la mappa Comicon Napoli 2024, che si svolgerà alla Mostra d’Oltremare dal 25 al 28 aprile.
fallout serie tv recensione amazon prime video

“Fallout”, la serie tv che racconta l’apocalisse

Recensione di Fallout, serie tv tratta dalla saga di videogiochi omonimi iniziata nel 1997, che ci porta in un mondo apocalittico.
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO