Radar. 12 fumetti da non perdere usciti questa settimana

Questa settimana il buon Dario Forti, un po’ acciaccato, non ha potuto compilare Radar, la lista delle migliori uscite. Quindi, per non saltare la rubrica – fra le più seguite di Fumettologica – la redazione si è messa d’impegno e, seguendo le segnalazioni di Dario, ha redatto il testo. Perdonateci, quindi, se fra le righe non ritrovate la stessa usuale sagacia che contraddistingue questo appuntamento.

Ecco i nostri consigli degli acquisti, fra i fumetti pubblicati in settimana.

sex criminals

Sex Criminals vol. 1 (Bao Publishing). La prima raccolta in volume della saga di Matt Fraction e Chip Zdarsky è sicuramente una delle uscite italiane più attese dell’anno.

In breve: due ragazzi capaci di bloccare il tempo dopo l’amplesso decidono di sfruttare questo dono per rapinare banche. Come ha spiegato Evil Monkey – che vi consigliamo di leggere – si tratta di uno dei rari esempi di fumetto che riesce a raccontare gli anni in cui viviamo senza scadere in retoriche spicciole o spiegazioni ampollose. Semplicemente siamo davanti a un’idea originale e davvero carismatica.

The ‘Nam vol. 1 (Panini Comics). Panini raccoglie in volume questa serie di altri tempi, che ebbe la particolirità di raccontare – con felice intuizione – la guerra in Vietnam, vista attraverso gli occhi di Ed Marks, un soldato semplice dell’esercito statunitense. Il fumetto Marvel anticipò il dibattito sul Vietnam e esplorò in maniera esistenzialista i conflitti moderni. Il tutto narrato dal veterano Doug Murrey e disegnato da Michael Golden con uno stile realistico e convincente. Qui un lungo e preciso approfondimento.

Sweet Tooth vol. 6 (RW Lion). Giunge a conclusione il fumetto Vertigo di Jeff Lemire, con il racconto delle origini di Gus e dei bambini ibridi, oltre che la causa della pestilenza che ha decimato il mondo. E poi… il gran finale!

Detroit Metal City #10 (Goen). Ultimo numero anche per il manga best seller di Kiminori Wakasugi.

Highway to Hell #4 (Panini Comics). Quarto e ultimo numero per la serie italiana prodotta da Panini e Italian Job Studio. Un fumetto che ci ha sorpreso, come racconta qui Evil Monkey.

Miracleman #13 (Panini Comics). Se valeva la pena aspettare il Miracleman di Alan Moore ce lo siam chiesti, qui. Ora che il fumetto perduto è di nuovo dipsonibile, noi ce lo godiamo e, speriamo, anche voi.

Marvel Omnibus X-Men di Chris Claremont e Jim Lee vol. 2 (Panini Comics). Un classico dei mutanti in un’edizione da collezione, cartonata da 640 pagine. Dentro ci sono le saghe Il Re delle Ombre e Programma Extinzione.

Saguaro #35 (Sergio Bonelli Editore). L’ultimo numero della serie Bonelli scritta da Bruno Enna, che chiude. Peccato, sulle nostre pagine avevamo azzardato che lo scorso anno fosse stata la serie meglio scritta dell’editore milanese.

Coney Island #1 (Sergio Bonelli Editore). Il primo numero (di tre) della nuova mini scritta da Gianfranco Manfredi, pubblcata da Sergio Bonelli Editore, che inaugura un nuovo ciclo di serie autoconclusive. La trama suona così: una ragazza di provincia giunge a New York sperando in una vita migliore, ma resta coinvolta, suo malgrado, in una spirale criminale. Un detective della polizia dal carattere brutale cerca di aiutarla, ma non può fare a meno di chiedersi se la ragazza sia davvero così ingenua quanto sembra. Il puzzle pare aver origine a Coney Island, nel parco dei divertimenti, intorno allo spettacolo di uno stravagante mago da palcoscenico dai trucchi mirabolanti.

Speciale Zagor #27 (Sergio Bonelli Editore). Che contiene una storia del compianto scrittore Lorenzo Bartoli, scomparso prematuramente.

Dall’estero:

nemo

Nemo Vol. 3: River of Ghosts (Top Shelf). Nuovo capitolo conclusivo della saga di Nemo, scritta da Alan Moore e disegnata da Kevin O’Neill, spin-off de La lega degli straordinari Gentlemen. In Italia uscirà il 15 maggio per Bao Publishing.

The Multiversity: Ultra Comics (DC Comics). Il penultimo capitolo di Multiveristy, la super saga DC Comics scritta da Grant Morrison. Se qualcuno non avesse ancora capito cos’è – non è facile, in effetti – ve lo spieghiamo qui.