x

x

RubricheSunday pageSunday Page: Dash Shaw

Sunday Page: Dash Shaw

- Advertisement -

*English text

Ogni settimana su Sunday Page un autore o un critico ci spiega una tavola a cui è particolarmente legato o che lo ha colpito per motivi tecnici, artistici o emotivi. Le conversazioni possono divagare nelle acque aperte del fumetto, ma parte tutto dalla stessa domanda: «Se ora ti chiedessi di indicare una pagina che ami di un fumetto, quale sceglieresti e perché?».

Ottovolante questa domenica con Dash Shaw, fumettista e animatore, autore di Bodyworld, New School e Bottmless Belly Button, che gli sono valsi i plausi di gente come Chris Ware. La sua ultima fatica è il film animato My Entire High School Sinking Into the Sea. Per un suo profilo completo potete leggere questo pezzo d’annata di Valerio Stivè.

arsene

Questa è una pagina tratta da Arsene Schrauwen, di Olivier Schrauwen. Volevo scegliere qualcosa di recente, di un autore coetaneo, perché ormai sappiamo tutto dei grandi (Krazy Kat, Ware, Bechdel – amo anche loro), ma ci sono lavori recenti che meritano di essere discussi. Il libro è uscito nel 2014 e, in qualità di fumettista, mi ha esaltato. È una narrazione singola e sofisticata che contiene molte idee e domande. Non offre osservazioni o conclusioni trite, non rigurgita piani o generi preesistenti. Cerca una visione personale, è devoto al libro senza altri fini, e con una disciplina ragguardevole. È un’opera complicata e confusionaria, ma anche integra. Un romanzo sperimentale e maturo, realizzato da qualcuno che si è prefissato dei livelli di qualità estremamente alti.

Poi, tu mi hai chiesto una sola pagina e questa è quella più importante. In una sola tavola, tutto quello che è successo prima ora è rivisto sotto una nuova luce. Quella che sembrava una storia surreale era invece realtà, ma filtrata attraverso gli occhi (inaffidabili) di Arsene. Capiamo che questo libro parla del nostro mondo. I colori sono tornati naturalistici. Un venditore offre pelli di leopardo, una creatura che prima era comparsa sotto forma di ibrido fantastico; e il mercante è disegnato in maniera normale, mentre prima gli sconosciuti venivano rappresentati con forme sferiche (un uomo è disegnato con forme geometriche semplici e poi diventa sempre più dettagliato – un maschio caucasico con i baffi – man mano che il lettore impara nuovi fatti su di lui). Arsene ora parla la stessa lingua dei nativi. Quindi, in una pagina il lettore comprende che il senso del libro è stato traslato e nello stesso tempo vediamo quale cambiamento ha attraverso il personaggio.

In più, la resa della scena è piana. Sono solo sei vignette di un dialogo in una lingua che non conosciamo. È una delle pagine meno inusuali del libro, e credo sia una cosa intenzionale. Se qualcosa di così destabilizzante fosse stata realizzata in maniera bizzarra sarebbe stata una ripetizione. L’autore sapeva che avrebbe dovuto andarci piano per una scena così importante.

Per te qual è il senso dell’opera?

Il fatto che sia un gran casino. Non c’è un piano. La copertina del libro si prende gioco proprio del suo supposto contenuto. Penso sia un libro esplorativo, che ruota attorno all’idea di qualcuno calato in una cultura straniera che però vive ancora dentro la sua testa. Quindi parla dell’aprirsi a un mondo più grande. E poi, in maniera ovvia, tratta della ricerca della propria storia famigliare. Il libro inizia e finisce con Olivier che spiega come assomigli al proprio nonno e una parte della storia riguarda la nascita di suo padre, anche se poi deraglia verso una tangente interessante. La premessa del fumetto è scema (perché ovviamente il protagonista non è il nonno dell’autore) ma anche commovente e mi ha sorpreso quanto lo fosse, visto che è semplicemente uno strumento narrativo.

Curiosità amena: nel fumetto ci sono due pagine di interruzione in cui si chiede di aspettare una settimana – e poi due – prima di proseguire la lettura. Tu l’hai fatto?

Ma no!

*English version in the next page.

 

- Advertisement -
*{color:var(--td_text_header_color,#000)}.td_block_template_10 .td-subcat-filter{line-height:37px;display:table}.td_block_template_10 .td-subcat-dropdown{line-height:1;position:static}.td_block_template_10 .td-subcat-dropdown .td-subcat-more{margin-bottom:0!important}.td_block_template_10 .td-subcat-dropdown ul:after{height:3px!important}.td_block_template_10 .td-related-title{margin-top:0!important}.td_block_template_10 .td-related-title a{margin-right:20px}@media (max-width:767px){.td_block_template_10 .td-related-title a{font-size:15px}}.td_block_template_10 .td-related-title .td-cur-simple-item{color:var(--td_theme_color,#4db2ec)}

Ultimi articoli

nimona netflix

Netflix ha reso disponibile “Nimona” gratis in streaming per tutti

Netflix ha reso disponibile in streaming gratuitamente il film d'animazione Nimona, in occasione della sua candidatura agli Oscar.

Anche le Tartarughe Ninja ora hanno un loro multiverso

Le Tartarughe Ninja stanno per scoprire il multiverso, attraverso l'incontro di varie versioni a fumetti e animate dei personaggi.
madame web film recensione

“Madame Web” è un disastro del quale non avevamo bisogno

Recensione di Madame Web, un perfetto manuale di come nel 2024 non dovrebbe essere realizzato un film supereroistico.
Aggiorna impostazioni privacy
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.