Marvel annuncia il ritorno di Spider-Man 2099

spider-man 2099 exodus
La copertina di Leinil Francis Yu per l’albo “Spider-Man 2099: Exodus – Alpha”

A maggio, Marvel Comics festeggerà i 30 anni dalla nascita dell’universo narrativo futuristico del 2099 con una miniserie incentrata su Spider-Man 2099 e intitolata Exodus.

Scritta da Steve Orlando (Justice League of America), Spider-Man 2099 esordirà negli Stati Uniti il 4 maggio con un albo Alpha che sarà seguito dai cinque albi della miniserie – pubblicati a cadenza settimanale – per poi concludersi su Spider-Man 2099: Exodus – Omega 1. Tra i disegnatori figureranno Paul Fry, David Wachter, Marco Castiello, Ze Carlos, Alessandro Mircola e Kim Jacinto.

Nella storia, torneranno sia lo Spider-Man (alias Miguel O’Hara) che il Ghost Rider del 2099, affiancati da nuovi personaggi creati per l’occasione come il Soldato d’Inverno 2099 e Loki 2099, oltre a una nuova formazione di X-Men. «Per Miguel, questa lotta sarà la più grande di sempre, dato che per la prima volta si ritroverà faccia a faccia con uno dei più grandi nemici di Spider-Man» ha affermato Orlando.

Di seguito, due tavole ancora prive di lettering tratte da Spider-Man 2099: Exodus:

spider-man 2099 exodus
spider-man 2099 exodus

Nato nel 1992, l’universo Marvel 2099 era strutturato su un gruppo di testate realizzate da vari autori, con protagoniste versioni futuristiche di alcuni dei personaggi più famosi della casa editrice. Tra queste, quello che ottenne maggior successo – negli Stati Uniti come in Italia – fu Spider-Man 2099, creato da Peter David e Rick Leonardi.

Intorno a lui, trovarono posto personaggi come Destino 2099, Punisher 2099, X-Men 2099, Hulk 2099 e proprio Ghost Rider 2099, che esordì a maggio 1994 in una storia sceneggiata da Len Kaminski e disegnata da Chris Bachalo. Tutte le testate dell’universo Marvel del 2099 chiuse poi nel 1998, ma i suoi personaggi sono tornati in scena occasionalmente sotto diverse forme nel corso degli anni.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su InstagramFacebook e Twitter.