Il fumetto di Keanu Reeves raccontato da chi lo ha scritto

English text

BRZRKR keanu reeves fumetto

BRZRKR è un fumetto d’azione nato dalla collaborazione tra Keanu Reeves, Matt Kindt e Ron Garney, con protagonista un guerriero millenario dalle fattezze dell’attore, un mezzo uomo mezzo dio (è figlio del dio della guerra) che va alla ricerca delle proprie origini. Ambientata nel nostro presente, la storia vede il personaggio intraprendere pericolose missioni per conto del governo degli Stati Uniti in cambio di segreti e rivelazioni sulla propria identità.

Il fumetto è stato lanciato nel 2020 con una campagna di crowdfunding che, con i suoi 1,45 milioni di dollari raccolti, ha stabilito un record assoluto per un progetto a fumetti su Kickstarter. Distribuito dalla casa editrice Boom! Studios, in Italia è invece pubblicato da Panini Comics. Abbiamo avuto l’occasione di intervistare lo sceneggiatore Matt Kindt per farci raccontare la genesi del progetto.

Il fumetto inizia con una grande sequenza d’azione lunga quasi tutto il primo numero. Come avete sviluppato quella che è sostanzialmente un’unica scena molto lunga?

Volevamo partire con il botto: stabilire da subito quello che il protagonista può (ed è disposto a) fare, fisicamente e moralmente. Penso che l’azione, se non viene costruita bene, diventa noiosa o rende il lettore insensibile, quindi noi volevamo fare qualcosa che fosse divertente, creativo e violento allo stesso tempo. In modo da preparare il lettore a ciò che succederà dopo e far capire che non è il classico fumetto d’azione. È una cosa del tutto diversa.

BRZRKR keanu reeves fumetto

Come avete costruito l’aspetto del fumetto? Rafael Grampá è accreditato come co-designer, che tipo di lavoro avete svolto insieme a lui?

Keanu e io abbiamo parlato molto di chi è “B”, il protagonista, e come si sarebbe dovuto vestire, anche in base al periodo storico in cui si trova. Ma ci siamo concentrati soprattutto sul presente e sul suo aspetto contemporaneo. Mi è sempre piaciuta l’idea delle bende alle mani. Anche se è un essere immortale con la capacità di rigenerarsi, nel tempo, ha preso a pugni talmente tante facce che le sue nocche ci mettono un po’ prima di guarire. Quindi le avvolge nelle bende, che nel corso dei secoli si rovinano molto. Rafael poi ci ha aggiunto la sciarpa, un tocco di colore e un oggetto che per lui ha un qualche significato, ed è stata un’idea che è piaciuta a tutti.

BRZRKR è un fumetto molto violento, come avete gestito questo aspetto?

Penso che BRZRKR sia un fumetto che in realtà parli di violenza, quindi non c’è modo di parlarne senza mostrarla, finendo per far diventare il fumetto l’oggetto stesso del suo discorso. Più in profondità vai nella storia più diventa evidente: perché combattiamo? Perché l’umanità uccide sé stessa? Questo e tutte le ramificazioni di questi discorsi sono visti attraverso gli occhi di una persona che non deve affrontare alcuna conseguenza della violenza che viene perpetrata contro di lui. Può sempre tornare. E noi lo vediamo diventare sempre più insensibile a questi concetti. Se c’è un qualche significato in questa storia preferiamo che sia il lettore a trovarlo, invece che sbatterglielo in faccia.

Come si è svolto il processo creativo con Keanu Reeves?

Ci parliamo di continuo. Ora stiamo scrivendo gli ultimi due numeri. È stato molto intenso. Io di solito scrivo da solo ed è un processo completamente diverso. Sto nella mia testa tutto il tempo. Lavorare con Keanu è stato molto più divertente, a confronto. Ci palleggiavamo le idee, improvvisavamo i dialoghi… È un aspetto che mi manca quando lavoro da solo. Keanu è un collaboratore molto generoso e i dialoghi migliorano del 100% quando li sistema lui. Ogni scena, ogni battuta, viene recitata e vorrei che tutti potessero vedere i nostri incontri. È stata un’esperienza di scrittura unica nel suo genere.

Altrove hai spiegato che avete elaborato la storia a segmenti di quattro numeri alla volta. Come si è evoluto il vostro rapporto tra una sessione e l’altra?

È diventato più semplice. Ci lavoriamo da due anni e ora ci capiamo al volo, cosa che all’inizio non succede, come in ogni collaborazione con qualcuno che non conosci. Ci sono idee e scene finali di cui parliamo da due anni, quindi è diventato tutto molto più facile e confortevole. C’è fiducia, possiamo suggerire idee senza sentirci giudicati o a disagio. Lavorare nei fumetti tanto a lungo quanto ci ho lavorato io richiede una quantità smodata di etica lavorativa – il numero di ore che puoi dedicare al lavoro sono interminabili se davvero hai a cuore quello che fai e vuoi che venga il meglio possibile.

Quando lavoravo a MIND MGMT, lavoravo finché non c’era più niente da fare. Non esistevano fine settimana o giorni di riposo. Lavorare con Keanu è così, per entrambi. Non importa a che ora o in quale giorno della settimana, ogni volta che c’è una finestra di tempo libera, ci sentiamo e lavoriamo alla sceneggiatura. È intenso ma amiamo entrambi quello che facciamo.

BRZRKR keanu reeves fumetto

A parte la premessa, c’è un’idea che Reeves ha avuto a cui tu non avresti mai pensato?

Il finale. Keanu l’aveva in mente dall’inizio, ed è stata la cosa con cui mi hanno convinto a partecipare. Avevo già letto storie di guerrieri immortali, specialmente nei fumetti, quindi ho esitato molto prima di accettare. Ma lui aveva avuto un’idea folle, totalmente inaspettata, di cui mi sono innamorato.

E c’erano, al contrario, idee che avete dovuto scartare perché, magari, non riuscivate a farle funzionare sotto forma di fumetto?

Penso ci fossero alcune scene che Keanu temeva non saremmo riusciti a rendere a fumetti, come il capitolo in cui B ascolta la musica e parla del significato del suono. Ma si fidava di me e Ron, che forse in questo caso è stato un po’ massacrato dalle richieste. Alla fine la scena è venuta alla grande, in un modo che poteva essere realizzato solo nei fumetti. In fin dei conti, l’obiettivo è sempre stato quello.

Sei l’autore di Mind MGMT, ora hai scritto BRZRKR. Perfino il tuo cognome è quasi tutto composto di consonanti. Hai un conto in sospeso con le vocali?

Vuoi sapere la verità? Sono una frana a fare lo spelling delle parole!

BRZRKR” si può acquistare online qui.

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.