Un disco ispirato al graphic novel “George Sprott” di Seth

disco george sprott seth

Il graphic novel George Sprott di Seth ha ispirato un disco intitolato Omnis Temporalis, realizzato da un terzetto di musicisti che accompagnano i dialoghi del fumetto recitati da attori.

Composti dal contrabbassista canadese Mark Haney, i 13 brani dell’album sono stati interpretati da un flauto alto, un violoncello e un contrabbasso. Omnis Temporalis è disponibile per l’ascolto in streaming e il download sulla piattaforma Bandcamp, dove è acquistabile anche la versione in edizione limitata in vinile del disco, il cui packaging è stato curato da Seth stesso.

Seth ha descritto così l’esperienza di collaborare a questo adattamento: «Succede qualcosa di strano quando passi il tuo lavoro a un altro artista perché lo reinterpreti. Se ne va che è un parente e torna che è uno sconosciuto. Battute che ho scritto io nel mio graphic novel, ora recitate o cantate da attori, appaiono strane ed emozionanti. Mi riconosco poi nel flusso di emozioni che mi hanno suscitato. Un’esperienza davvero toccante».

Il graphic novel George Sprott di Seth è stato pubblicato in Italia da Coconino Press a marzo di quest’anno, dopo il mastodontico Clyde Fans, ma fu realizzato originariamente nel 2006 (serializzato a puntate sul New York Times Magazine). In nemmeno un centinaio di tavole George Sprott racconta l’intera vita di un uomo. Muovendosi liberamente nel tempo, con episodi nel presente e numerosi flashback, Seth canta dolori e gioie – più i primi – della vita di un uomo ormai anziano, il George Sprott che dà il titolo al racconto.

A 81 anni Sprott è al tramonto della sua esistenza, gli restano pochi giorni da vivere ed ancora lavora come conduttore di un programma televisivo sulle meraviglie naturali dell’Artico trasmesso da una televisione locale canadese. Una voce narrante lo segue attraverso brevi episodi – nelle cui pagine sono spesso compresse numerose vignette – e ricompone i momenti salienti dell’esistenza di una persona comune, di un individuo quasi insignificante.

Leggi anche: “George Sprott” di Seth, la dimostrazione della grandezza di un autore unico

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.