Il festival BilBOlbul di Bologna non si terrà più

bilbolbul 2022

Dal 2022 non si terrà più BilBOlbul, festival internazionale di fumetto e illustrazione che si è svolto a Bologna per 15 edizioni a partire dal 2007. Secondo l’Associazione Culturale Hamelin – da sempre organizzatrice e curatrice della manifestazione – si tratta però di un arrivederci e non di un addio.

L’associazione ha infatti già comunicato di avere l’intenzione di proporre un nuovo festival nel 2023, cambiando però formula e nome. Per il momento non ci sono informazioni su questa nuova incarnazione, ma Hamelin promette che ci saranno presto le prime notizie.

Di seguito, il messaggio contenuto nel comunicato stampa con cui i membri di Hamelin hanno motivato la scelta di fermare il festival BilBObul nel 2022:

È proprio la soddisfazione per i risultati ottenuti la motivazione che ci ha spinto a chiederci se davvero sia ancora così necessario fare un festival a Bologna. Crediamo che ci siano ancora molti campi su cui è urgente impegnarsi oggi, se pensiamo al fumetto: dalla formazione all’incremento del pubblico (in particolar modo quello più giovane), dallo sviluppo di una critica vitale alla promozione di opere, autrici e autori capaci di portare il linguaggio verso nuove direzioni di ricerca. Nutriamo un forte desiderio di impegnarci su questi fronti e piena fiducia nella capacità di Bologna e del pubblico storico di BilBOlbul di rinnovare l’accoglienza, ma non crediamo che più un festival sia lo strumento migliore per portarle a compimento.

Non si tratta di un addio, ma di una fase di cambiamento. Intanto, vogliamo ringraziare tutte le persone che hanno contribuito a immaginare, progettare, realizzare, trasformare BilBOlbul nel corso di questi anni; le istituzioni pubbliche e i partner privati che ci hanno sostenuto per tutto questo tempo; gli spazi e i soggetti culturali che hanno arricchito con le loro proposte e il loro lavoro la programmazione del festival; le artiste e gli artisti che hanno attraversato con la loro presenza e le loro opere le diverse edizioni; gli editori e le librerie che hanno le volontarie e i volontari senza cui davvero non sarebbe stato possibile arrivare fino a qui; il pubblico che ci ha seguito con attenzione e stima e che è cresciuto insieme a noi. Grazie davvero.

Per rinnovarsi occorre sempre un periodo di riflessione e di “semina”, e la pazienza di far germogliare le idee. Ne avrete notizia presto.

Leggi anche: Una conversazione con Igort sullo stato del graphic novel in Italia

Entra nel canale WhatsApp di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Telegram, Instagram, Facebook e Twitter.