È morto il fumettista Alarico Gattia

alarico gattia morto fumetti
Particolare della copertina de “il Giornalino” 44 del 7 novembre 1971, disegnata da Alarico Gattia

Il disegnatore italiano Alarico Gattia è morto all’età di 94 anni, riporta la rivista Fumo di China. Nato a Genova il 9 dicembre 1927, Gattia ha avuto una carriera lunga e prolifica, che ha attraversato gran parte della storia del fumetto italiano nel secolo scorso.

Dopo lavori come grafico pubblicitario e illustratore, Gattia disegnò fumetti sin dagli anni Sessanta, realizzando adattamenti di classici della letteratura e storie per riviste come il Corriere dei Piccoli, il Giornalino, Horror e Comic Art.

Dopo aver disegnato oltre dieci storie per Diabolik nei primi anni Settanta, grazie al suo stile dettagliato e realistico, Gattia lavorò molto sul fumetto storico: disegnò storie per la collana Storia d’Italia a fumetti di Enzo Biagi, pubblicata da Mondadori tra il 1978 e il 1986, mentre negli anni Ottanta in Francia realizzò per l’editore Larousse Histoire du Far West e A la découverte du monde.

Nel 1977, per Cepim (in seguito Sergio Bonelli Editore) scrisse e disegnò due storie per la collana Un uomo un’avventura: L’Uomo del Klondike e L’Uomo del Sud. Tornò a lavorare per Bonelli negli anni Novanta, disegnando su testi di Mauro Boselli la storia di Tex Glorieta Pass, pubblicata sull’Almanacco del West 1998.

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.