News J-Pop annuncia il manga “Initial D” di Shuichi Shigeno

J-Pop annuncia il manga “Initial D” di Shuichi Shigeno

initial d j-pop manga dario moccia

Nella cornice del festival congiunto Milan Games Week & Cartoomics 2022, la casa editrice J-Pop ha annunciato la pubblicazione di Initial-D, manga cult di Shuichi Shigeno incentrato sulle corse automobilistiche.

Il manga, pubblicato in Giappone da Kodansha tra il 1995 e il 2013, sarà pubblicato in un’edizione basata sulla shinsōban giapponese, ovvero la più recente e aggiornata, pubblicata tra il 2020 e il 2021. Presenterà anche contenuti esclusivi e pagine a colori e arriverà in libreria con cadenza bimestrale a partire dalla primavera del 2023.

Dario Moccia e la Toyota Trueno 86 durante l’annuncio di J-Pop al Milan Games Week & Cartoomics 2022

L’edizione di J-Pop è curata dallo youtuber e influencer Dario Moccia, esperto di cultura giapponese e autore dei fumetti We are the Champions (Rizzoli Lizard, 2016) e Big in Japan (Rizzoli Lizard, 2018) insieme a Tuono Pettinato. Moccia ha partecipato alla presentazione con una Toyota Trueno 86, l’auto utilizzata del protagonista del manga.

La Toyota Trueno 86 esposta alla Milan Games Week & Cartoomics

Fino al 27 novembre, data conclusiva della Milan Games Week & Cartoomics, sarà possibile visitare l’installazione dedicata all’annuncio e scattarsi una foto con la Toyota Trueno 86.

Di seguito la sinossi di Initial D:

Sulle strade del monte Akina, nella prefettura di Gunma, si dice che si aggiri il fantasma di uno street racer imbattibile che, a bordo della sua Toyota Sprinter Trueno AE86, sfreccia tra le strade di montagna all’alba di ogni giorno.

Takumi Fujiwara, liceale svogliato e dall’aria sempre sonnolenta, vive con suo padre nella città di S, proprio ai piedi del monte Akina, aiutandolo a gestire il suo negozio di tofu. La sua vita scorre tranquilla, tra giorni di scuola sempre uguali e il lavoro part-time dal benzinaio.

Solo l’amicizia con Itsuki Takeuchi, suo compagno di classe e collega, riesce a svegliarlo dal torpore quotidiano quando quest’ultimo lo coinvolge nella sua passione per lo street racing e le auto, portandolo a scoprire la vita notturna dei piloti e delle gare di auto che animano le strade del monte Akina. Se inizialmente neanche questo mondo riesce a infiammare il placido animo del ragazzo, presto tutti scopriranno che il Fantasma di Akina è più che realtà e che il mondo dello street racing giapponese non sarà mai più lo stesso.

Leggi anche: “DanDaDan” di Yukinobu Tatsu, un manga imprevedibile e sboccato

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.