News 20 serie animate da non perdere nel 2023

20 serie animate da non perdere nel 2023

Dopo un 2022 prodigo di novità e ritorni, il 2023 si apre già con importanti serie animate all’orizzonte. Tante novità che saranno oltretutto facilmente accessibili dal divano di casa, grazie a un’offerta di servizi streaming ormai variegata, che va da Netflix ad Amazon Prime Video, passando per Disney+ e Crunchyroll (quest’ultimo dedicato esclusivamente agli anime).

Rispetto ad alcuni anni fa, per gli appassionati è oggi molto più semplice stare al passo con le migliori proposte di tutto il mondo. Tante nuove serie animate sono infatti prodotte dalle stesse piattaforme di streaming e sono quasi sempre distribuite in contemporanea in molti Paesi. Alcune produzioni giapponesi sono invece disponibili nel nostro paese in simulcast (cioè in contemporanea all’uscita giapponese di ogni episodio) sulle principali piattaforme di streaming.

Con così tante fonti a disposizione, sono inevitabilmente aumentate le nuove proposte di serie animate a disposizione degli appassionati (e non) italiani. Abbiamo così stilato una selezione di ben 20 titoli in uscita nel 2023, che spaziano tra anime giapponesi e produzioni americane.

Tokyo Revengers (stagione 2)

La seconda stagione di Tokyo Revengers, che adatta l’arco narrativo della resa dei conti di Natale, ha inaugurato a gennaio la proposta di anime in simulcast (cioè in contemporanea all’uscita giapponese di ogni episodio) della piattaforma streaming Disney+, in seguito all’accordo fra il colosso dell’intrattenimento americano e la giapponese Kodansha.

Tokyo Revengers è un manga scritto e disegnato da Ken Wakui, nato sulle pagine della rivista Weekly Shonen Magazine di Kodansha nel 2017 e conclusosi a fine 2022. La serie ha per protagonista un disoccupato di 26 anni che ha avuto una sola ragazza, ai tempi delle scuole medie. Quando lei viene assassinata, lui rimane particolarmente turbato e, in seguito a un incidente si ritrova catapultato ai tempi delle scuole medie, dove decide di cambiare il futuro per salvare la ragazza.

La storia affronta il tema del bullismo – da sempre una piaga sociale in Giappone – senza retorica e senza cedere al fascino del cattivo, riuscendo anzi a ironizzare su certi stereotipi, anche di genere. La prima stagione della serie animata ispirata al manga è disponibile su Crunchyroll. In Italia Tokyo Revengers è pubblicato da J-Pop.

Trigun Stampede

Il nuovo anime basato sul manga Trigun di Yasuhiro Nightow è realizzato dallo studio Orange e vede alla regia Kenji Mutou (già regista di Cavity Express e di alcuni episodi di Land of Lustrous e autore degli storyboard dell’anime di Beastars), mentre il concept design e il character concept sono curati da Kouji Tajima.

La serie, che ha debuttato il 7 gennaio su Crunchyroll, racconta le (dis)avventure di Vash the Stampede, un pistolero in fuga con una grossa taglia sulla testa. Vash ha la fama di essere il primo uomo nella storia a essere stato dichiarato calamità naturale, ma, a dispetto di questa nomea, è in realtà un pacifista convinto dall’animo spensierato, sempre disposto ad aiutare i più deboli.

Il fumetto di Trigun, che mescola fantascienza e western, fu serializzato originariamente in Giappone tra il 1995 e il 1997 (in Italia è disponibile il sequel Trigun Maximumpubblicato da J-Pop).

Vinland Saga (stagione 2)

 
Ispirato al manga omonimo di Makoto Yukimura – autore anche di Planetes -, Vinland Saga è un racconto epico di impronta storica, ambientato un migliaio di anni fa e incentrato sulle gesta dei vichinghi, raccontate dal punto di vista di una manciata di personaggi ambiziosi e assetati di vendetta. La serie non si risparmia sulla quantità di violenza e si appoggia su una buona documentazione storica e un character design dall’impronta realistica.

I 24 nuovi episodi saranno distribuiti su Netflix dal 9 gennaio al ritmo di uno a settimana anziché tutti insieme, come più consueto per la piattaforma streaming.

The Fire Hunter

La serie supervisionata e sceneggiata da Mamoru Oshii (Ghost in the Shell, Jin-Roh) è ispirata alla serie di romanzi di Rieko Hinata intitolata Hikari no Ou ed è diretta da Junji Nishimura (Vlad Love) per lo studio Signal.MD, con il character design di Takuya Saito (Outlaw Star) e le musiche di Kenji Kawai (Ghost in the Shell).

Ci troviamo in uno scenario post-apocalittico dove, al di là di una barriera magica, il mondo è minacciato da creature di fuoco e gli umani sono protetti da un gruppo di guerrieri chiamati Fire Hunter. La protagonista è Toko, una ragazza che un giorno viene salvata da un Fire Hunter, col quale scoprirà di avere un destino in comune. L’anime ha debuttato il 14 gennaio e in Italia è disponibile su Crunchyroll.

Junji Ito Maniac

Una serie anime ispirata ai fumetti di Junji Ito – il maestro del manga horror moderno – che adatta 20 storie dalla vasta produzione dell’autore, dedicandosi a lavori mai visti prima in versione animata e attingendo anche da alcuni dei suoi titoli più popolari, come Tomie e Il libro delle maledizioni di Soichi.

Alla regia e al character design dell’anime – realizzato dallo Studio DEEN (Patlabor: The MovieMaison Ikkoku – Cara dolce Kyoko) – troviamo Shinobu Tagashira, mentre la sceneggiatura è stata realizzata da Kaoru Sawada (entrambi hanno già lavorato in passato sull’anime Junji Ito Collection). La serie è prodotta da Netflix, dove debutterà il 19 gennaio.

Marvel’s Moon Girl and Devil Dinosaur

Indirizzata a un pubblico di giavanissimi, la serie con protagonisti i personaggi dei fumetti Marvel Comics Moon Girl e Devil Dinosaur debutterà negli Stati Uniti su Disney Channel il 10 febbraio per poi arrivare poco dopo su Disney+ in tutto il resto del mondo.

Moon Girl & Devil Dinosaur, realizzato da Amy Reeder e Natacha Bustos nel 2015, è un fumetto dal target all ages con protagonista Lunella Lafayette, una ragazzina di nove anni appassionata di scienza che si accompagna con il suo amico preistorico Devil Dinosaur.

Oshi no ko

Ispirato al manga omonimo scritto da Aka Akasaka e disegnato da Mengo Yokoyari (pubblicato in Italia da JPop), l’anime debutterà in Giappone ad aprile, anticipato nei cinema il 17 marzo da una versione estesa di 90 minuti del primo episodio. Per quanto riguarda l’Italia, non è ancora noto dove sarà distribuita la serie.

La storia ruota attorno alla figura di un ginecologo che lavora in una cittadina di campagna e nutre una grande passione per le idol (le giovani cantanti pop giapponesi). Riuscirà a incontrare la sua preferita, Ai Hoshino, proprio quando lei starà per iniziare una scalata verso il successo.

Hell’s Paradise

Realizzato dallo studio Mappa – uno dei più apprezzati studi giapponesi di animazione, già responsabile delle serie Banana Fish, Jujutsu Kaisen e Chainsaw Man – l’anime ispirato al manga omonimo di Yuji Kaku è previsto in arrivo ad aprile su Crunchyroll.

Il manga Hell’s Paradise, pubblicato in Italia da J-Pop, ha per protagonista un ninja potente e temuto, che è stato però incarcerato in attesa di un boia in grado di ucciderlo. Un giorno riceverà l’offerta di ottenere la libertà qualora riesca a trovare l’elisir dell’immortalità per conto dello shogun.

Mashle

L’anime ispirato al battle shonen fantasy omonimo scritto e disegnato da Hajime Komoto (pubblicato in Italia da Star Comics) è realizzato dallo studio A-1 Pictures e vede alla regia Tomoya Tanaka (Engage Kiss, Visual Prison), per il character design di Hisashi Toshima (Tada Never Falls in Love) e la sceneggiatura di Yousuke Kuroda (My Hero Academia).

Ci troviamo in un mondo dove chiunque possiede poteri magici, il protagonista della storia è il giovane Mash, che però è nato privo di magia. Quando questo segreto verrà scoperto, la sua vita cambierà totalmente e per preservare la propria incolumità e quella del padre adottivo, il ragazzo si troverà costretto a iscriversi alla più prestigiosa accademia di magia, per diventare lo stregone dell’anno. La serie debutterà in Giappone in aprile.

X-Men ’97

X-Men ’97 sarà una serie animata dedicata ai personaggi mutanti di Marvel Comics, basata su quella classica degli anni Novanta. Intitolata in Italia Insuperabili X-Men, la serie originale andò in onda negli Stati Uniti fra il 1992 e il 1997, per un totale di cinque stagioni e 76 episodi (attualmente tutti disponibili su Disney+). In Italia, fu trasmessa sui canali Mediaset a partire dal 1994.

Molto fedele alle storie degli X-Men degli anni Ottanta e Novanta, la serie nel tempo è diventata un piccolo cult, dando vita nel 2016 anche a una serie a fumetti intitolata X-Men ’92. X-Men ’97 sarà resa probabilmente disponibile in streaming su Disney+ in autunno, ma ancora non è nota la data esatta.

L’attacco dei giganti (stagione 4 parte 3)

L’anime ispirato al manga omonimo scritto e disegnato da Hajime Isayama si concluderà quest’anno con la terza parte della stagione finale, che adatterà la storia del fumetto fino al capitolo finale pubblicato nell’aprile 2021. Ancora non è nota la data di debutto dell’anime.

Il manga L’attacco dei giganti ha esordito in Giappone nel 2009 e nel giro di un paio di anni ha conquistato le prime posizioni delle classifiche di vendita, spartendosele con One PieceDemon SlayerTokyo Revengers e Jujutsu Kaisen. La serie di Isayama – che si è conclusa con il 34esimo volume, uscito in Italia a fine ottobre 2021 – si svolge in un mondo di stampo medievale in cui creature gigantesche minacciano l’esistenza dell’umanità, ormai confinata in città fortificate.

Gremlins: Secrets of the Mogwai

Gremlins: Secrets of the Mogwai sarà un prequel del film Gremlins del 1984 e sarà ambientato a Shanghai negli anni Venti, per raccontare la storia di come Sam Wing, un bambino di 10 anni, incontrò Gizmo, un giovane Mogwai.

Prodotta da Amblin Television e Warner Bros. Animation e creata da Tze Chun, la serie sarà animata in CGI. La prima stagione sarà resa disponibile negli Stati Uniti su HBO Max e su Cartoon Network e conterà 10 episodi. Prima del suo debutto è stata già confermata la realizzazione di una seconda stagione.

One-Punch Man (stagione 3)

Dopo 4 anni dalla seconda stagione, nel 2023 è atteso – ma ancora non confermato – il ritorno della serie ispirata al manga scritto da ONE e disegnato da Yusuke Murata (pubblicato in Italia da Panini Comics). One-Punch Man segue le avventure di Saitama, un supereroe che può sconfiggere qualsiasi avversario con un singolo pugno e che è sempre alla ricerca di un avversario degno, spinto dalla noia per la mancanza di sfide nella sua lotta contro il male.

Nato nel 2009 come webcomic realizzato dal solo ONE, One-Punch Man ha ottenuto talmente tanto successo da spingere la casa editrice giapponese Shueisha a pubblicarlo in forma cartacea, a partire dal 2012 sulla rivista Young Jump Next, con i disegni di Murata. L’adattamento animato della serie risale invece al 2015. Per saperne di più sul manga, qui c’è un nostro articolo.

Uzumaki

La serie ispirata al manga omonimo del maestro dell’horror Junji Ito era stata inizialmente annunciata per il 2019, poi posticipata a fine 2022 a causa di ritardi dovuti al Coronavirus e in seguito nuovamente rimandata a una data da destinarsi. È ormai probabile però che Adult Swim, il blocco serale di Cartoon Network, la renda disponibile negli Stati Uniti nel corso di quest’anno.

Uzumakipubblicato in Italia da Edizioni Star Comics, racconta di un paese in cui si verificano strani episodi: il vento crea mulinelli, gli steli delle piante si attorcigliano, il fumo delle cremazioni disegna nel cielo motivi a spirale. Anche le persone subiscono improvvisi mutamenti: i capelli si arricciano, i corpi si avvitano su se stessi, qualcuno addirittura subisce disgustose trasformazioni. Al centro della storia c’è una giovane studentessa che cercherà di sfuggire a questa misteriosa maledizione. Qui c’è la nostra recensione del fumetto.

FLCL: Grunge e FLCL: Shoegaze

Si tratta in realtà di due serie diverse, ma entrambe in uscita quest’anno (a marzo) e seguiti di FCLC, la bizzarra serie animata creata e diretta nel 2000 da Kazuya Tsurumaki. Grunge e Shoegaze, prodotte da Adult Swim, arriveranno dopo le serie Alternative e Progressive del 2018, anch’esse realizzate dal blocco serale di Cartoon Network.

FLCL è una serie smaccatamente pop che mescola fantascienza, romanticismo e commedia. Ha per protagonista Naota, un apatico ragazzino che vive in una piccola città. Un giorno piomba nella sua vita Haruko, un’aliena dai capelli rosa che alla guida di una vespa gialla lo colpisce sulla testa con un basso elettrico. Da quel momento, la testa di Naota si trasforma in un portale dal quale, sotto forma di bernoccoli dall’aspetto fallico, spunta fuori ogni sorta di mecha e mostri. Qui c’è un nostro articolo dedicato alla serie.

Demon Slayer: Kimetsu no Yaiba (stagione 3)

La terza stagione dell’anime ispirato al manga di Koyoharu Gotouge debutterà ad aprile, adatterà l’arco narrativo del villaggio dei forgiatori di katana e sarà preceduta da un lungometraggio distribuito in Italia da Crunchyroll (che si prospetta uno dei film d’animazione da non perdere di quest’anno).

La storia di Demon Slayer è ambientata nel Giappone dei primi anni del 1900 e segue le vicende di Tanjiro, un giovane che diventa cacciatore di demoni dopo che la propria famiglia è stata uccisa da alcuni di essi.

Rurouni Kenshin

Il manga Rurouni Kenshin di Nobuhiro Watsuki, che in Italia è pubblicato da Star Comics, ispirerà un secondo anime, dopo il primo adattamento risalente al 1996.

La storia è ambientata nel Giappone del Rinnovamento Meiji (1868 – 1889) e ha per protagonista un misterioso ronin (samurai senza padrone) che, arrivato a Tokyo, piomba nella vita di una giovane proprietaria di una palestra e si ritrova ad aiutarla e ad affrontare numerosi samurai. Il ronin nasconde però un passato molto oscuro.

Solo Leveling

Prodotto da Crunchyroll, l’anime basato sulla serie di light novel dello scrittore sudcoreano Chugong (che ha ispirato anche un fumetto pubblicato in Italia da Star Comics), sarà realizzato da A-1 Pictures (Sword Art Online, Kaguya-sama: Love is War) per la regia di Shunsuke Nakashige (Sword Art Online: Alicization) e il character design di Tomoko Sudo (Alice in Borderland OVA).

Un misterioso portale collega il mondo umano a quello popolato da terribili mostri, e individui con particolari poteri detti Hunter combattono per difendere l’umanità da questa minaccia. Sung Jinwoo è un Hunter senza particolari abilità, ma che cerca di fare del suo meglio per portare avanti il suo compito e pagare le spese mediche della madre. Un giorno, però, a seguito di un inspiegabile evento, Jinwoo comincia a sviluppare i suoi poteri.

Frieren: Oltre la fine del viaggio

Uno dei manga fantasy rivelazione degli ultimi anni, vincitore nel 2021 del Premio culturale Osamu Tezuka e del Manga Taishō, diventerà un anime che debutterà nel corso del 2023 in una data non ancora nota. Al momento in cui scriviamo, non è stato comunicato nemmeno lo staff che realizzerà l’adattamento.

Il manga scritto da Kanehito Yamada e disegnato da Tsukasa Abe, che in Italia è pubblicato da J-Pop, è uno shonen atipico. Al posto del consueto eroe combattente che diventa sempre più forte affrontando nemici di forza crescente, troviamo un’eroina che non uscirà mai sconfitta da nessuno scontro perché è già il personaggio più potente di tutti. Per saperne di più, qui c’è la nostra recensione.

Sand Land

Il manga Sand Land di Akira Toriyama – il fumettista giapponese creatore di Dragon Ball e Dr. Slump – ispirerà un anime previsto in uscita nel 2023. Prodotto da Sunrise, Kamikaze Douga e Anima, Sand Land sarà basato sulla miniserie a fumetti omonima realizzata da Akira Toriyama nel 2000, pubblicata in Giappone dall’editore Shueisha sulle pagine della rivista Weekly Shōnen Jump e raccolta in un singolo volume nello stesso anno. In Italia è stata invece tradotta da Star Comics nel 2002.

Il manga Sand Land è ambientato in un lontano futuro in cui la Terra è stata rovinata da una serie di guerre e ridotta a un’unica distesa desertica. La storia segue le avventure del principe dei demoni, del ladro che lo accompagna e di un anziano sceriffo. I tre viaggiano con l’obiettivo di trovare un misterioso lago.

Leggi anche:

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.

Exit mobile version