x

x

Mondi POPCinema"Super Mario Bros. - Il Film", la recensione

“Super Mario Bros. – Il Film”, la recensione

super mario film

Il dialogo tra videogiochi e audiovisivo è ormai la colonna portante di buona parte dell’intrattenimento contemporaneo, in cui i flussi fra media diversi sono diventati un un core business importante, che non procede in modo univoco ma bidirezionale. Super Mario Bros. – Il film è solo l’ultimo esempio in ordine di tempo di film che pesca a piene mani dall’immaginario dei videogame.

Il film animato – co-prodotto da Nintendo e da Illumination Entertainment di Chris Meledandri (Cattivissimo me, Minions, Sing) e diretto da Aaron Horvath e Michael Jelenic – rappresenta un aggiornamento una vera e propria icona pop dell’immaginario collettivo contemporaneo. Non si tratta del primo film tratto dal videogioco Super Mario: il primo tentativo fu del 1986, quando fu realizzato Super Mario Brothers: Peach-hime Kyuushutsu Dai Sakusen, diretto da Masami Hata e noto con il titolo internazionale Super Mario Brothers: The Great Mission to Rescue Princess Peach

A questo seguì il più noto (per la sua dimensione cult) e non proprio riuscito film live action statunitense del 1993, Super Mario Bros., diretto da Rocky Morto e Annabel Jankel e interpretato da Bob Hoskins nei panni di Mario e John Leguizamo in quelli di Luigi. In entrambi i casi non si tratta di titoli clamorosi, anzi, niente che abbia sconvolto il mercato o la storia del cinema. Ci si aspettava molto da questo nuovo film animato, e il risultato è soddisfacente.

La storia è – per quei pochi che non lo sapessero – quella di Mario e Luigi, due idraulici di Brooklyn che si ritrovano catapultati in un mondo magico. Qui, Luigi sarà fatto prigioniero dal malvagio Bowser, il quale vuole conquistare i vari regni confinanti al suo e sposare la principessa Peach. Mario, nel tentativo di salvare suo fratello, diventerà una pedina fondamentale in questa guerra mastodontica.

super mario film

Super Mario Bros. – Il film non è un capolavoro. Eccelle da un punto di vista tecnico ma, da quello narrativo, è piatto tanto quanto le dinamiche di gioco che contraddistinguono il videogame. Peach però non è più il premio ma un personaggio attivo, con una sua forza interiore, un suo coraggio, che non ci sta a essere una “semplice” principessa indifesa ma che, piuttosto, è intenzionata a combattere in prima persona per i suoi amati sudditi. C’è poi la figura di Luigi, che ha un suo percorso formativo specifico e un po’ diverso da come lo conosciamo. C’è lo stesso Mario, che è figlio delle insicurezze sociali contemporanee

Per il resto, il film è totalmente in funzione del fan service. Non c’è niente, in Super Mario Bros. – Il film, che non trasudi citazioni, rimandi, assist a videogiochi o, più in generale, all’universo mediatico-narrativo che tutti noi conosciamo e non solo (il locale che si vede un paio di volte e che è frequentato dai due fratelli italo-americani si chiama Punch-Out, storico videogioco di pugilato nato in arcade e divenuto celebre con il NES; Mario rintanato nella sua cameretta gioca a Kid Icarus con un vecchio NES e via dicendo). 

Questa tensione citazionista si riversa anche nella messa in scena. La regia e il montaggio sono al servizio di dinamiche che rimandano a quarant’anni di videogiochi, incrociandosi anche con i suoni e le musiche che hanno accompagnato le varie versioni videoludiche, da Mario Kart a Donkey Kong.

Dovevamo aspettarci di più? Dovevamo aspettarci una rivoluzione di fondo o uno sconvolgimento narrativo? No. Super Mario Bros. – Il film è esattamente quello che deve essere e, anzi, riesce nel difficile tentativo di funzionare da collante generazionale. Al botteghino, infatti, Super Mario Bros. – Il film sta facendo molto bene.

In sala si possono trovare cinquantenni, ventenni o bambini, tutti ugualmente divertiti. Questo perché il personaggio ha davvero rappresentato – in forme e modalità differenti – varie epoche, diverse generazioni di videogiocatori che, ora, si ritrovano tutti insieme a condividere il piacere generato da un film che mescola nostalgia e risate, intrattenimento e ricordi. Sembra poco, ma in un periodo di crisi delle sale cinematografiche è tanto.

Leggi anche:

Entra nel canale WhatsApp di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Threads, Telegram, Instagram e Facebook.

Ultimi articoli

gianni de luca mostra wow milano 2024

La grande mostra su Gianni De Luca a Milano

Presso gli spazi di WOW – Museo del fumetto e dell’illustrazione di Milano, si terrà una mostra dedicata a Gianni De Luca.

I fumetti di Tunué in uscita a marzo 2024

Tutti i fumetti che la casa editrice Tunué pubblica in libreria e in fumetteria nel corso del mese di marzo 2024.
Ato 365 Hi no Dinner

Il nuovo manga dello scrittore di “Boruto”

Kodashi Ukyo, noto per aver scritto i primi tredici volume della serie Boruto, realizzerà un nuovo manga intitolato Ato 365 Hi no Dinner.
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO