x

x

Mondi POPCinema“Guardiani della Galassia vol. 3” è il miglior film Marvel degli ultimi...

“Guardiani della Galassia vol. 3” è il miglior film Marvel degli ultimi anni

guardiani della galassia 3 recensione film marvel

In un periodo in cui i Marvel Studios sembrano un po’ annaspare nel tentativo di ritrovare l’alchimia d’oro degli anni passati – tra esperimenti non sempre riusciti, fan service a gogò e colpi di scena spesso improvvisati – Guardiani della Galassia vol. 3 è una vera e propria boccata d’ossigeno per i fan del franchising.

Il film di James Gunn chiude infatti in modo adeguato la saga di Star-Lord e compagni e lo fa senza stravolgere, senza la necessità di dover alzare l’asticella ogni tre per due: semplicemente, con grande coerenza e rispetto per i personaggi, concludendo senza strappi e senza forzature ciò che era iniziato e proseguito nei precedenti due film.

Guardiani della Galassia vol. 3 è soprattutto la storia di Rocket, cuore narrativo ed emotivo del film. È intorno a lui che James Gunn ha costruito infatti questo ultimo capitolo della sua saga, raccontandone le origini e portando avanti il suo percorso di crescita, personale e in relazione al gruppo. È la storia del procione, insomma, a fare da spina dorsale del film, con i suoi risvolti profondamente drammatici.

Questo terzo capitolo, così, risulta quello con i toni più tragici fra i tre, proprio come da previsioni, considerando che era stato annunciato come l’ultimo atto di James Gunn ma anche di alcuni dei protagonisti. Toni che in ogni caso risultano smorzati qua e là dalla solita ironia in stile Marvel: battute e situazioni divertenti affidate soprattutto a Drax e Mantis e che però, nella sceneggiatura James Gunn, non risultano mai invadenti o fuori luogo.

La storia di Rocket trova poi adeguato complemento in quella dell’antagonista del film, l’Alto Evoluzionario interpretato da Chukwudi Iwuji, uno tra i “cattivi” più riusciti mai visti finora in un film dei Marvel Studios. Là dove il procione è un animale dotato di profonda umanità, l’Alto Evoluzionario è un uomo che ha rinunciato alle proprie emozioni per giocare a fare il dio, proprio come nei fumetti Marvel. Non un nemico in cerca di conquista o di vendetta, per una volta, ma uno dedito a scopi puramente egoistici, che con la sua follia si trova a suo agio al confronto con una famiglia di supereroi disfunzionali come i Guardiani della Galassia.

guardiani della galassia 3

Guardiani della Galassia vol. 3 è in ogni caso il film che conferma la bravura di James Gunn nel gestire la coralità dei personaggi, concedendo a ognuno il tempo necessario per evolversi e concludere il proprio arco narrativo. Alla fine, sulla scacchiera del regista, tutte le pedine vanno a posizionarsi mossa dopo mossa nella casella giusta. Anche l’Adam Warlock interpretato da Will Poulter, che per lunghi tratti sembra fare fatica a correlarsi con personaggi dotati di personalità già molto ben costruite nel corso degli anni. E alla fine sia i Guardiani che abbandonano la scena che quelli che invece restano in pista lo fanno in modo molto naturale, al termine di un lento processo (ma non senza qualche piacevole sorpresa).

E poi c’è tutto il resto a rendere il film avvincente: tanta azione – con almeno un paio di scene ben dirette e montate –, effetti speciali a non finire, scenari esotici e immaginifici anche senza essere troppo fintamente elaborati (come la sede della Orgocorp o la Controterra), alieni a non finire, armi, esplosivi e tutto il necessario per questo tipo di narrazioni. E poi ovviamente c’è Groot, a cui sono affidati un paio di riusciti momenti “what the fuck” (tanto per citare un altro film nelle sale in questo momento).

Con la sua grande coerenza e propensione alla concretezza, Guardiani della Galassia vol. 3, finisce insomma per essere il miglior film Marvel degli ultimi anni, probabilmente da Avengers: Endgame del 2019 (anche se c’è chi si spinge addirittura più indietro). Un film che si prende i propri tempi e si stacca da tutto ciò che sta accadendo nel resto del Marvel Cinematic Universe – fra multiversi e viaggiatori nel tempo – ma che proprio per questo rappresenta un ideale punto di (ri)partenza per la Fase 5, in attesa degli scenari sempre più complessi e strutturati in arrivo.

Leggi anche:

Entra nel canale WhatsApp di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Threads, Telegram, Instagram e Facebook.

Ultimi articoli

gianni de luca mostra wow milano 2024

La grande mostra su Gianni De Luca a Milano

Presso gli spazi di WOW – Museo del fumetto e dell’illustrazione di Milano, si terrà una mostra dedicata a Gianni De Luca.

I fumetti di Tunué in uscita a marzo 2024

Tutti i fumetti che la casa editrice Tunué pubblica in libreria e in fumetteria nel corso del mese di marzo 2024.
Ato 365 Hi no Dinner

Il nuovo manga dello scrittore di “Boruto”

Kodashi Ukyo, noto per aver scritto i primi tredici volume della serie Boruto, realizzerà un nuovo manga intitolato Ato 365 Hi no Dinner.
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock