Apple entra nel mercato dei webtoon

apple books webtoon kenaz
Immagine di Kenaz via Twitter

La multinazionale statunitense Apple, nota per i suoi dispositivi tecnologici, entra nel mercato dei webtoon – i cosiddetti fumetti online di origine sudcoreana, pensati per una lettura su mobile con scrolling verticale – proponendo una serie di titoli originali per la sua applicazione Apple Books.

Apple ha appaltato la produzione dei propri webtoon a Kenaz, azienda sudcoreana specializzata nella realizzazione di webtoon per conto terzi, forte di oltre centocinquanta dipendenti e capace di produrre circa cento serie all’anno.

I primi venti titoli nati dalla collaborazione triennale stretta da Apple con Kenaz sono già stati distribuiti in Giappone lo scorso aprile e saranno tradotti in futuro e resi disponibili negli oltre cinquanta paesi in cui è attivo il servizio Apple Books.

Il mercato del webtoon è in forte espansione in tutto il mondo e negli ultimi tempi diverse aziende ed editori tradizionali si stanno muovendo per ritagliarsi una fetta del business che attualmente è per la gran parte conteso da Naver e Kakao, aziende sudcoreane che grazie ai loro webtoon sono ormai nella top 10 mondiale degli editori di fumetti e il cui giro d’affari annuo ha superato i 500 milioni dollari.

In questo senso, tra gli esempi più recenti, si possono citare: Amazon, che ha varato una divisione dedicata ai lettori giapponesi per il suo servizio su Kindle; Shueisha, una delle più importanti case editrici giapponesi di fumetti, tra i quali titoli di grande successo come Dragon BallNarutoSlam DunkOne Piece e One-Punch Man, che ha annunciato la sua entrata nel mercato dei webtoon con una propria app intitolata Jump Toon, il cui debutto è previsto per il 2024; l’azienda giapponese Rakuten, tra le più importanti al mondo nel settore del commercio elettronico, con attività in vari ambiti, che ha annunciato il lancio di un proprio servizio di webtoon.

Leggi anche: I 10 fumetti più letti su Naver Webtoon

Entra nel canale WhatsApp di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Telegram, Instagram, Facebook e Twitter.