L’ultima storia delle Tartarughe Ninja

tartarughe ninja ultimo ronin

Teenage Mutant Ninja Turtles: L’ultimo ronin rappresenta una perfetta chiusura del cerchio per i fumetti delle Tartarughe Ninja, in più di un modo. Innanzitutto, questo fumetto ha visto la “reunion” di Kevin Eastman e Peter Laird, i due creatori dei personaggi, dopo molti anni di lontananza e di cattivi rapporti.

I due scrissero infatti il soggetto di questa storia circa 30 anni prima della sua pubblicazione, per poi litigare fra loro e lasciarla inedita. È stato Eastman di recente a ripescarla e a rielaborarla con l’aiuto di Tom Waltz, autore delle storie a fumetti delle Tartarughe Ninja pubblicate negli ultimi anni da IDW Publishing.

L’ultimo ronin rappresenta così l’anello di congiunzione fra i primi fumetti delle Tartarughe Ninja, pubblicati da Mirage Comics negli anni Ottanta e tradotti in Italia da 001 Edizioni, e quelli più recenti, che hanno rinvigorito con un buon successo di critica e di pubblico il franchise. Fino ad arrivare all’apice proprio con L’ultimo ronin, che negli Stati Uniti ha raggiungo cifre di vendita senza precedenti per i personaggi.

La miniserie, raccolta in un unico volume da Panini Comics, è ambientata nella New York del futuro e racconta del tentativo di vendetta dell’ultima Tartaruga Ninja rimasta in vita – lasciamo a voi lettori scoprire di chi si tratta, visto che mai come in questo caso la sorpresa fa parte del piacere della lettura – nei confronti di chi ha sterminato i suoi fratelli e il suo maestro Splinter. Ovvero Oroku Hiroto, il nipote dello storico nemico delle Tartarughe Ninja, Shredder.

tartarughe ninja ultimo ronin

Muovendosi tra presente e flashback, L’ultimo ronin alterna con un buon ritmo epicità e quotidianità, azione e riflessione, il tutto sottolineato con tono drammatico dalla narrazione in prima persona del protagonista. Il risultato è una storia avvincente, nella quale ci troviamo catapultati senza troppi preamboli fin dalle prime pagine, che partono con l’acceleratore a tavoletta. Gli autori non hanno perso nemmeno troppo tempo a descrivere il mondo futuristico in cui la storia è ambientata, nel quale veniamo invece calati con grande naturalezza, senza mai l’impressione di esserci persi qualcosa.

Nonostante il finale aperto, L’ultimo ronin è così una perfetta “ultima storia” delle Tartarughe Ninja, e questo vale sia per i fumetti originari di Mirage che per quelli contemporanei di IDW. Un po’ come a metà anni Ottanta Il ritorno del Cavaliere Oscuro fu pensato come un ideale epilogo per le avventure di Batman, tanto per fare un paragone illustre. Un paragone tutt’altro che casuale, visto che l’opera di Frank Miller è citata esplicitamente nella storia di Eastman e Laird, anche e soprattutto nelle tavole spesso molto “milleriane” dei disegnatori Esau e Isaac Escorza e Ben Bishop.

A questi si affianca lo stesso Eastman, autore di alcune pagine realizzate nello stile della serie delle Tartarughe Ninja degli anni Ottanta, che aggiungono un tocco di nostalgia a tutta l’operazione. Perché L’ultimo ronin è anche un grosso e sentito omaggio alla Storia delle Tartarughe Ninja, alla loro mitologia e alle diverse ere e autori che l’hanno caratterizzata nel corso dei decenni. Una storia godibile a se stante, ma ancora più apprezzabile se si conosce tutto il percorso che ha portato fino a essa.

Leggi anche: L’evoluzione delle Tartarughe Ninja dal 1983 ad oggi, in una infografica

Teenage Mutant Ninja Turtles: L’Ultimo Ronin
di Peter Laird, Kevin Eastman, Ben Bishop, Tom Waltz, Esau, Isaac Escorza, Louis Antonio Delgado
traduzione di Fabio Gamberini
Cartonato, 224 pagine, colore
Panini Comics, giugno 2023
28,00 € (acquista online)

Entra nel canale Telegram di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Instagram, Facebook e Twitter.