x

x

NewsLucca Comics risponde alle polemiche sul patrocinio di Israele

Lucca Comics risponde alle polemiche sul patrocinio di Israele

lucca comics patrocinio israele

L’organizzazione di Lucca Comics & Games ha diffuso un comunicato sulla propria posizione riguardante il patrocinio concesso da Israele alla manifestazione. La comunicazione arriva in seguito al post di Zerocalcare, in cui l’autore ha contestato il patrocinio comunicando per questo la cancellazione della sua partecipazione al festival (qui i dettagli).

L’organizzazione di Lucca Comics & Games aveva annunciato il patrocinio di Israele lo scorso 29 giugno, nel contesto del quale ha invitato come ospiti i noti fumettisti israeliani Asaf e Tomer Hanuka, che quest’anno sono tra i principali ospiti internazionali della manifestazione e per la quale hanno anche realizzato il manifesto dell’evento.

Tuttavia nell’ultima settimana, a seguito del conflitto tra Israele e Palestina, iniziato lo scorso 7 ottobre, in cui migliaia di civili stanno morendo nella Striscia di Gaza, attorno a questo patrocinio sono state sollevate perplessità e critiche, prima sui social da parte del pubblico e poi tra alcuni operatori, compresi diversi autori.

Di seguito il comunicato di Lucca Comics & Games:

Lucca Comics & Games è da sempre un luogo sicuro per le differenze. Fin dall’inizio stiamo seguendo il dibattito in atto sul patrocinio ricevuto in primavera dall’Ufficio Culturale dell’Ambasciata Israeliana in Italia. Questo patrocinio – non oneroso – è stato ricevuto, come molti dei patrocini che in questi anni hanno affiancato il festival, per riconoscere il valore del nostro programma culturale. Questa attribuzione istituzionale deriva da un lavoro durato quasi un anno, un progetto che ha coinvolto due artisti noti e apprezzati in Italia e nel mondo, come Asaf e Tomer Hanuka, ai quali Lucca ha dedicato una mostra e ha affidato l’immagine di un’edizione imperniata sul tema Together, all’insegna della condivisione di quei valori che da sempre ci guidano: rispetto, comunità, inclusione e partecipazione.

Rispettiamo le scelte personali, rispettiamo le opinioni di tutti e da sempre abbiamo l’ambizione di essere il luogo dove è possibile stare insieme nelle differenze. Crediamo nelle persone e nella capacità di dimostrare che la cittadinanza attiva della comunità di Lucca Comics & Games può essere migliore di quello che le sta attorno. Ci adoperiamo sempre per garantire questa libertà, per dare spazio al dialogo su tanti temi diversi tra cui anche quelli legati a questa cogente drammatica e lacerante attualità, come già previsto nel nostro programma, un programma che non intende voltare le spalle all’enorme questione umanitaria in corso. Un lavoro per dare a tutti gli appassionati, che rendono unica una manifestazione nata dal basso come la nostra, la certezza che questa manifestazione non dimentica le sue radici e la sua missione.

Abbiamo riflettuto molto sulla possibilità di rinunciare al patrocinio, ma abbiamo ritenuto che sarebbe un atto poco responsabile nei confronti non solo delle istituzioni e delle realtà appartenenti al nostro ecosistema, ma anche per tutti i partecipanti. Lucca Comics & Games mette da sempre al centro solo ed esclusivamente l’opera intellettuale e creativa, le persone: il nostro lavoro, il nostro percorso valoriale, e la nostra storia parlano per noi. Il claim di quest’anno – Together – nasce nel solco del Becoming Human del 2019, di Hope nel 2022, e di quelle stelle che siamo tornati a vedere nel 2021 dopo un altro momento drammatico che abbiamo affrontato e superato insieme.

Leggi anche: Guida ai fumetti da non perdere a Lucca Comics 2023

Entra nel canale WhatsApp di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Threads, Telegram, Instagram e Facebook.

Ultimi articoli

la zona d'interesse film recensione

“La zona d’interesse”: il male che sentiamo

Recensione del film La zona d'interesse di Jonathan Glazer, che racconta la vita in una casa a fianco di un campo di concentramento.

Il numero 450 di “Dylan Dog”

Questo mese la serie a fumetti Dylan Dog taglia il traguardo dei 450 numeri con un albo realizzato da Barbara Baraldi e Nicola Mari.

I nuovi fumetti di Flash Gordon

Flash Gordon, il popolare personaggio di fantascienza creato da Alex Raymond nel 1934, torna con una nuova proposta di fumetti.
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock