x

x

NewsPer film e serie tv, Disney vuole ora puntare su più qualità...

Per film e serie tv, Disney vuole ora puntare su più qualità e meno quantità

disney piani futuri

Bob Iger, amministratore delegato di The Walt Disney Company, ha commentato i piani futuri dell’azienda, confermando che d’ora in avanti, per quanto riguarda la produzione di film e serie tv, si punterà più sulla qualità che sulla quantità.

«Ne ho parlato molto di recente, perché valutando alcune delle nostre prestazioni, negli ultimi tempi, uno dei motivi per cui credo che sia calato un po’ il livello è che stavamo producendo troppo» ha affermato Iger. «Credo che, quando si parla di creatività, la qualità sia fondamentale, ovviamente, e la quantità in molti modi può distruggere la qualità. Lo storytelling, ovviamente, è il fulcro di ciò che facciamo come azienda.»

Le dichiarazioni di Bob Iger arrivano in particolare dopo i cattivi risultati ottenuti al botteghino dai più recenti film distribuiti da Disney, vale a dire The Marvels di Nia DaCosta, prodotto dai Marvel Studios, e Wish, il sessantaduesimo classico dei Walt Disney Animation Studios. Il primo è risultato il film Marvel che ha incassato di meno nelle prime settimane di programmazione dal 2008 a oggi; il secondo ha esordito con meno di 50 milioni di dollari incassati in tutto il mondo nel primo weekend di distribuzione.

Il dirigente conferma dunque quanto già affermato nel recente passato riguardo alle produzioni dei Marvel Studios e di Lucasfilm – in quel caso motivando la decisione anche con la necessità di ridurre le spese – ma allarga ora il discorso anche agli altri studi cinematografici parte di The Walt Disney Company, come i già citati Walt Disney Animation Studios e Pixar Animation Studios.

Per il futuro di Disney, Iger si dice fiducioso sui piani futuri: «L’ottimismo è una caratteristica straordinariamente importante per un leader, perché nessuno vuole seguire un pessimista. Ma credo anche che l’ottimismo senza speranza non serva a nessuno. Ho, credo, una ragione reale – e abbiamo una ragione reale come Disney – per essere ottimisti, a partire dal fatto che siamo Disney. E Disney, come sapete, è un marchio a sé stante, ma è anche una società ombrello che ospita molti asset e molti grandi brand. Quindi, la ragione numero uno per essere ottimisti è questa».

Leggi anche:

Entra nel canale WhatsApp di Fumettologica, clicca qui. O seguici su Threads, Telegram, Instagram e Facebook.

Ultimi articoli

la zona d'interesse film recensione

“La zona d’interesse”: il male che sentiamo

Recensione del film La zona d'interesse di Jonathan Glazer, che racconta la vita in una casa a fianco di un campo di concentramento.

Il numero 450 di “Dylan Dog”

Questo mese la serie a fumetti Dylan Dog taglia il traguardo dei 450 numeri con un albo realizzato da Barbara Baraldi e Nicola Mari.

I nuovi fumetti di Flash Gordon

Flash Gordon, il popolare personaggio di fantascienza creato da Alex Raymond nel 1934, torna con una nuova proposta di fumetti.
Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato!!!

Abbiamo rilevato che stai utilizzando le estensioni per bloccare gli annunci. Il nostro sito è gratuito e il lavoro di tutta la redazione è supportato dalla pubblicità. Supportaci disabilitando questo blocco degli annunci.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock